logo
venerdì 16 novembre 2018 Skip Navigation LinksHome : Prodotti : Tiranti : Introduzione ai Tiranti
Skip Navigation Links
Home
ProdottiExpand Prodotti
Contatti
Foto Cantieri



Logo Certificazione

ISO 9001:2000

Logo Sincert

TIRANTI DI ANCORAGGIO NEI TERRENI E NELLE ROCCE

 Per tiranti di ancoraggio si intendono elementi strutturali connessi al terreno o alla roccia, che in esercizio sono sollecitati a trazione. Le forze di trazione sono quindi applicate sulla struttura da tenere ancorata mediante una piastra di ripartizione (testata), in relazione alla modalità di sollecitazione, i tiranti vengono distinti in:

  • tiranti passivi, nei quali la sollecitazione di trazione nasce quale reazione a seguito   di una deformazione dell’opera ancorata;

  • tiranti attivi, nei quali la sollecitazione di trazione è impressa in tutto o in parte all’atto del collegamento con l’opera ancorata.

Essi si compongono principalmente in tre parti funzionali:

  • Parte in fondazione o tratto attivo

  • Parte libera;

  • Testata di ancoraggio costituita da elementi di bloccaggio e piastra di ripartizione.

 

 

Gli elementi sopra elencati sono schematizzati nella  figura 1  di seguito riportata:

Tirante Fig.1
Fare clic sulla figura per ingrandire


L’armatura è costituita da uno o più trefoli  0,6” (15,2 mm) o  0,6”super (15,7 mm) di diametro nominale con proprietà e caratteristiche identiche agli acciai impiegati nel cemento armato precompresso.

 Inoltre i tiranti sono classificati in relazione alla loro durata di esercizio, nei tipi:

 

  • Provvisori: la cui funzione deve intendersi limitata (2 – 3 anni);

  • Permanenti: la cui funzione deve intendersi a tempo indeterminato.

 

I tiranti sono realizzati secondo EURO NORM EN 1537-2002 § 6. 9. 3.
I.S.I. Italia s.r.l. - Produzione Tiranti Permanenti e Provvisori